Fettuccine con Salsa Cremosa “Alfredo” al Basilico

In questa ricetta vegan presentiamo un primo piatto estivo gustoso e delicato, le Fettuccine con Salsa Cremosa “Alfredo” al Basilico si presentano davvero molto bene e con il loro ricco profumo di basilico sono l’alimento migliore per accompagnare le serate d’agosto.

fettuccine salsa basilico
Fettuccine con Salsa Cremosa “Alfredo” al Basilico

Abbiamo tradotto questa ricetta dal sito Zen Vegan che ci è sembrato molto bello e dove potete trovare delle ottime ricette vegan, hanno aperto da poco quindi passate a trovarli, diamogli un incentivo per il loro splendido lavoro. Di seguito la scheda degli ingredienti e della preparazione di queste fettuccine in salsa cremosa “Alfredo” al basilico.

Ingredienti e Preparazione

Fettuccine con Salsa Cremosa "Alfredo" al Basilico
 
Tempo Preparazione
Tempo Cottura
Tempo Totale
 
Autore:
Recipe type: Main
Cuisine: vegan
Porzioni: 3-4
Ingredienti
  • 250gr di Fettuccine
  • ½ tazza di anacardi
  • 1 tazza e ½ di acqua
  • 2-3 spicchi d'aglio, tritati o schiacciati
  • 1 cucchiaino di sale
  • ¼ di cucchiaino di pepe nero macinato
  • 2 cucchiaini di lievito alimentare
  • 2 cucchiai di vino bianco
  • 2 cucchiaini di basilico fresco tritato
  • ⅛ di cucchiaino di noce moscata
Preparazione
  1. Mettere dell'acqua in una pentola a bollire per la pasta.
  2. Frullare gli anarcardi con l'acqua fino ad ottenere un composto fluido
  3. Versare il composto in una ciotola ed aggiungere gli altri ingredienti, escluse le fettuccine ovviamente!
  4. Nel frattempo se l'acqua ha raggiunto l'ebollizione buttare la pasta e scaldare a fuoco moderato la salsa per farla ritirare un poco
  5. Scolare la pasta ed impiattarla ricoperta di salsa cremosa "alfredo" al basilico

Noi le fettuccine con salsa cremosa “alfredo” al basilico le abbiamo provate proprio ieri sera accompagnate da un ottimo tofu grigliato al basilico e limone, le abbiamo trovate squisite e le due ricette vegan si accompagnavano davvero bene legate dall’aroma del basilico!

fonte:Zen Vegan
traduzione:ricettevegan

Tofu Grigliato al Basilico e Limone

Se c’é una pianta onnipresente nelle nostre cucine è sicuramente il Basilico, facile da coltivare e ottimo per accompagnare tanti piatti con il suo tipico profumo e con il quale vogliamo preparare il tofu grigliato al basilico e limone di questa ricetta vegan deliziosa che abbiamo tradotto per voi.

tofu grigliato basilico limone
Tofu Grigliato al Basilico e Limone

Di seguito trovate la scheda per questa gustosa ricetta vegan, perfetta per le serate estive all’aria aperta davanti il barbecue. Il tofu grigliato al basilico e limone su un letto di lattuga e carote è il piatto giusto per le cene d’estate, leggero e saporito con un tono di affumicato che non guasta affatto.

Tofu Grigliato al Basilico e Limone
 
Tempo Preparazione
Tempo Cottura
Tempo Totale
 
Autore:
Cuisine: vegan
Porzioni: 2-3
Ingredienti
  • ⅓ tazza di foglie di basilico tritate
  • 2 cucchiai di Senape di Djone
  • 1 cucchiaio di Sciroppo d'Agave
  • 1 o 2 cucchiaini di scorza di limone grattugiato
  • ¼ tazza di succo di limone spremuto (il succo di 2 limoni circa)
  • 1 cucchiaio di Olio E.v.o.
  • ½ cucchiaino di sale
  • ¼ cucchiaino di pepe nero macinato
  • 3 spicchi d'aglio tritati
  • 500 grammi di Tofu pressato e scolato
  • verdure da insalata ed ortaggi freschi da aggiungere come guarnizione
Preparazione
  1. Aggiungete tutti gli ingredienti tranne il tofu in una scodella capiente. Amalgamate il tutto per creare una marinatura per il tofu.
  2. Tagliate il tofu in 6 rettangoli ed immergetelo nella marinatura per almeno 1 ora
  3. Preaparate il barbecue
  4. Prendete il tofu ed scolatelo dalla marinatura, conservandola per usarla come dressing, ed adagiate i rettangoli sulla griglia. Lasciateli arrostire per almeno 3-4 minuti per lato
  5. Servite il tofu grigliato su un letto di verdure fresche e guarnitelo con la marinatura

Con questa ricetta vegan per preparare un ottimo tofu grigliato al basilico e limone, vi lasciamo in compagnia del caldo estivo e con una nuova idea da provare ed assaggiare!

fonte:eatingbirdfood.com
t
raduzione:ricettevegan

Zucchine Profumate di Menta

Dopo tanta attesa ecco una nuova ricetta per testimoniare che siamo ancora online anche se con una frequenza meno costante. Vi parliamo quindi delle zucchine e della menta e in che modo possiamo accostarle assieme in un veloce contorno estivo, le Zucchine Profumate di Menta!

Zucchine Profumate di Menta
Zucchine Profumate di Menta
Presentate in un bel piatto, queste Zucchine Profumate di Menta, sono una pietanza ideale per fare bella figura in poco tempo! Sono leggere e particolari, accontenteranno anche i palati più difficili!

Ingredienti (per 4 persone):

  • 5 grosse zucchine
  • aceto
  • una manciata di foglie di menta
  • 1 spicchio d´aglio
  • sale
  • pepe nero in grani
  • olio extra vergine d´oliva

Preparazione:

Lavate le zucchine e tagliatele a rondelle piuttosto sottili ma dello stesso spessore per avere un’uniformità di cottura. Sbucciate e tagliate lo spicchio d’aglio grossolanamente. Lavate la menta e in caso staccate le foglie dal gambo.
Mettete sul fuoco una padella, quando sarà calda, aggiungete abbondante olio extra vergine. Quando sarà abbastanza caldo aggiungete l’aglio e fatelo rosolare appena un attimo.
Quindi aggiungete le zucchine e cuocetele finchè non caccino la loro acqua e poi lasciatela evaporare.
A questo punto salate e pepate a piacimento, dopodichè versate un cucchiaio di aceto nella padella. Quando sara’ evaporato aggiungete le foglie di menta, rimescolate le Zucchine Profumate di Menta e servite in tavola!

Fonte: RicetteVegan

Reidratare la Soia Destrutturata

Oggi introduciamo un nuovo argomento, le ricette “base”. Ovvero tutte quelle ricette che servono per poter preparare gli ingredienti per fare altre ricette, infatti questa volta vedremo in che modo reidratiamo la soia destrutturata per poterla poi cucinare in tanti modi.

Allora vi premetto che in genere riesco a trovare solo due tipi di soia destrutturata nei negozi vicino casa mia, quindi nello specifico parlerò di quelle, che sono le “bistecche di soia” e gli “straccetti di soia” (o soia granulare).

Bistecche di Soia Destrutturata

Sulla confezione in genere troviamo scritto che per cucinarla e usarla nelle nostre ricette, basta farla bollire in acqua abbondante per 15 minuti…Questo è vero, ma servono un paio di accorgimenti e di passaggi che in genere non sono consigliati nelle istruzioni della confezione. Oltre a bollirla per reidratarla, dopo la dobbiamo strizzare per dargli più compattezza e in seguito possiamo pensare ad inserirla nella nostra ricetta.

Reidratazione

Per prima cosa vi consiglio di bollirla in un brodo, in modo che prenda un poco di sapore già nella fase di reidratazione, altrimenti dopo la soia avrebbe un sapore troppo neutro e come possiamo leggere su altri blog, avrebbe quel gusto tipico del cartone (che magari non piace a tutti/e!!!).

Per fare questo brodo possiamo scegliere fra alcune varianti, in ogni caso deve essere almeno tre volte tanto la soia (30gr di soia, 1L circa di acqua).

  • il brodo “finto”
  • il brodo “mediterraneo”
  • il brodo “orientale”

Il brodo “finto”
In un pentolino mettiamo dell’acqua, quando raggiunge il primo bollore aggiungiamo del brodo vegetale granulare, qualche goccia di salsa di soia e di aceto balsamico. Successivamente aggiungiamo la soia e mescolando di tanto in tanto aspettiamo che passino 15 minuti prima di levarla dal fuoco.

Il brodo “mediterraneo”
In un pentolino facciamo un piccolo soffritto con un trito di cipolla, carota e sedano aggiungendo anche qualche pezzo più grande di questi ortaggi, possiamo anche arrichire di sapore con qualche altra spezia come noce moscata, peperoncino, paprika dolce, pepe nero. Ad ebbollizione aggiungiamo qualche goccia di salsa di soia e di aceto balsamico. Poco dopo possiamo aggiungere la soia e mescolando di tanto in tanto aspettiamo che passino i 15 minuti…

Il brodo “orientale”
In un pentolino mettiamo dell’acqua e poco prima dell’ebollizione, diciamo verso gli 80 gradi (quando inizia a fumare l’acqua) aggiungiamo un pezzetto di alga kombu e un cucchiaio di salsa di soia. Durante l’ebollizione aggiungiamo la soia e mescolando aspettiamo i famosi 15 minuti…

Strizziamo la soia

Levata la pentola dal fuoco dobbiamo strizzare la soia reidratata, per farlo vi consiglio, almeno per le piccole dosi, uno schiacciapatate in modo che pressi e liberi dall’acqua in modo omogeneo tutta la soia (o almeno quella che riusciamo a farci entrare!). In questa fase possiamo notare le differenze se abbiamo bollito per meno tempo la soia poiche’ rimarrebbe tutta attaccata in un “megahamburger” dentro lo schiacciapatate. Se invece la soia bolle per il tempo giusto rimane più compatta.

Se queste due fasi sono andate a buon fine possiamo usare la soia reidratata per cucinarla nei modi più disparati, per i quali vi invito a cercare nell’archivio!!!

Buon appetito, ci sentiamo prossimamente!!!