Vitamina B12

Chi ha affrontato la scelta vegan, ha in qualche modo sentito parlare della vitamina B12, volevamo quindi approfondire assieme l’argomento. In giro per la rete abbiamo preso alcuni spunti per spiegare un poco a cosa serve e dove trovarla.

Vitamina B12

La vitamina B12 è necessaria per la divisione delle cellule e la formazione del sangue. Gli alimenti di origine vegetale non contengono vitamina B12, se non quando sono contaminati da microrganismi. Per questo motivo, i vegani devono integrare la propria dieta con vitamina B12 contenuta in altre fonti. Nonostante il fabbisogno di vitamina B12 sia molto modesto – 1 milionesimo di grammo (cioè 1 microgrammo) al giorno per gli adulti – una deficienza di vitamina B12 rappresenta un serio problema, che può danneggiare irreversibilmente il sistema nervoso. I vegani previdenti includeranno quindi nella propria dieta il giusto apporto di vitamina B12. Ad ogni modo, una deficienza di vitamina B12 è veramente molto rara, anche tra i vegani da lunga data. (fonte: InternationalVegetarianUnion)

Pubblichiamo di seguito una tabella degli alimenti che contengono la cobalamina o vitamina B12. I dati sono stati estratti dal sito www.valori-alimenti.com. I valori nutrizionali dei prodotti di marca sono stati ricavati dalle confezioni dei prodotti e dalle informazioni presenti sui siti dei rispettivi marchi.

Tutti i valori si riferiscono a 100 grammi di alimento, i link riportano alla pagina dei valori nutrizionali del singolo alimento (sul sito www.valori-alimenti.com)

Cereali, Kellogg’s Special K 19.5 mcg
Cereali, Kellog’s All-bran 18.8 mcg
Fiocchi di cereali allo sciroppo d’acero e noci 2.89 mcg
Fiocchi di mais e crusca con frutta e nocciole 2.73 mcg
Hamburger di soia 2.01 mcg
Olive nere 1.26 mcg
Latte di soia 1.08 mcg
Carruba dolce, senza zucchero 0.28 mcg
Funghi porcini 0.1 mcg
Funghi coltivati 0.04 mcg
Lievito di birra fresco 0.01 mcg

Ringraziamo i siti citati per la disponibilità delle informazioni.

Gnocchetti di Broccoli, Carciofi e Aglio Bruciato

Mentre guardavamo su internet come utilizzare quello che abbiamo trovato nel frigo, eccoci un’altra volta conquistati da una ricetta curiosa e originale.
L’abbiamo trovata su Petit Chef e praticamente non abbiamo dovuto fare quasi nulla per renderla vegan. E’ bastato cambiare un solo ingrediente piuttosto opzionale che in realtà potrebbe essere tranquillamente omesso anche nella variante vegana.
Per capire che ingrediente é vi rimando all’originale!
Per assaporare un’altra ricetta senza carne e derivati, leggete le prossime righe!!!!!!!
Gnocchetti di patate e broccoli con carciofi all'aglio bruciato

Ingredienti (per sei persone):

  • 3 patate grosse cotte al vapore
  • 500 g. di broccoli cotti al vapore
  • 4 cucchiai di lievito di birra in scaglie o di mandorle tritate
  • farina doppio zero circa 700 g.

Per il condimento:

  • 6 carciofi sott’olio
  • uno spicchio d’aglio
  • 6 cucchiai d’olio evo
  • sale – pepe nero maginato al momento

Preparazione:

Sbucciare e schiacciare le patate insieme ai broccoli in una ciotola. Lasciare raffreddare. Sulla spianatoia versare parte della farina e cominciare a lavorare inserendo il puré precedente. Lavorare bene l’impasto aggiungendo sempre più farina fino ad assorbimento della stessa. Se occorre aggiungere più farina, la quantità varia a seconda delle patate utilizzate e di quanta acqua esse abbiano assorbito, la cottura a vapore , naturalmente evita l’assorbimento di troppa acqua.Formare un panetto. Prelevare pezzetti piccoli di pasta , che rotolerete con le mani formando dei piccoli salsicciotti aiutandovi con la farina, fino ad uno spezzore di 3 cm. di circonferenza. Tagliare gli gnocchetti, con un coltellino, circa 2 cm. di lunghezza, infarinarli e sistemarli in un vassoio coperto da un tovagliolo pulito.

Preparare una grande pentola piena d’acqua salata e portarla ad ebollizione.

Intanto preparate una padella abbastanza larga e versare i 4 cucchiai d’olio, tagliare a fettine sottili l’aglio e farlo rosolare dolcemente. Spegnere il fuoco.Far sgocciolare bene i carciofini dal loro olio di conservazione, asciugarli con della carta assorbente, tagliarli a striscioline sottili e mettere da parte in un piatto. Versare gli gnocchetti nella pentola d’acqua lentamente, far riprendere il bollore e calcolare circa 5/6 minuti, quando gli gnocchetti vengono a galla, con una schiumarola prelevarli e versarli nella padella con l’olio e l’aglio, aggiungere i carciofi e far saltare tutto insieme in modo da legare bene tutti i sapori. Spolverare di pepe nero maginato grosso e se vi piace delle scaglie di lievito di birra o una spolverata di mandorle tritate.

fonte: petitchef

Injera

Per tornare invece alle nostre ricette vegane, eccone un’altra di provenienza africana che abbiamo trovato su Butta la Pasta.

L’Injera è un tipo di pane piatto e spugnoso che si usa per accompagnare molti piatti della tradizione africana, in genere quelli in umido con verdure. In Etiopia questo pane si prepara con la farina di un cereale locale, qui introvabile.

Ingredienti per injera (dosi per 4 persone):

  • farina di mais 250 g
  • farina di riso 250 g
  • lievito di birra in polvere mezza bustina
  • acqua tiepida

Preparazione:
In una ciotola mescolate i due differenti tipi di farina, aggiungete il lievito e diluite con un litro di acqua tiepida. Dovrete ottenere una pastella fluida, che lascerete lievitare per 3 ore in un luogo tiepido.

Scaldate quindi una piastra antiaderente, mescolate la pastella riposate e versate un mestolo al centro della piastra, cercando di avere uno spessore di circa mezzo centimetro. Fate cuocere per un minuto, senza girare.

Ripetete l’operazione fino ad esaurimento dell’impasto, e mettendo i pani uno sull’altro mentre li preparate.

fonte: buttalapasta

Parmigiano Vegetale

In questi giorni di afa incessante andiamo in giro nella rete per approfittare dei tempi morti ed arricchire il nostro ricettario!

Questa che vi presentiamo ora è la prima di due ricette per aggiungere quel tocco in più ai nostri piatti con del “parmigiano”. Di seguito la ricetta che abbiamo trovato su il cucchiaio di legno che ringraziamo.

Post e ricetta velocissimi per uno dei classici della cucina veg: il parmigiano vegetale. Questa che ho sperimentato è la versione più semplice, ma date un’occhiata anche a quelle di Vera e Matteo. Il composto che si ottiene è molto simile al parmigiano grattuggiato (identico per consistenza), ed è ricco di calcio e vitamine del gruppo B. Ideale da versare su pasta, cereali e minestre.

Attenzione: crea dipendenza! ;-)

Parmigiano vegetale

Ingredienti per 100 g

  • lievito di birra in scaglie 50 g
  • mandorle pelate 50 g
  • sale marino integrale 1 pizzico

Tempo di preparazione: 2′

Passate tutti gli ingredienti nel frullatore fino a quando non saranno perfettamente tritati. Conservate in frigo.

fonte: ilcucchiaiodilegno