Stampi in Silicone

Apriamo questa nuova rubrica qui su Ricette Vegan, sugli Utensili da Cucina e sui gadgets che ci torneranno utili nella preparazione dei nostri manicaretti.

Iniziamo con gli stampi in silicone, molto pratici per chi si cimenta con i dolci, ma non solo, anche per alcune ricette salate diventano degli strumenti piuttosto utili.

Ma sentiamo cosa scrivono in questo interessante articolo su ricetteonline:

Flessibili, resistenti e colorati… Gli stampi in silicone, dopo il grande successo riscosso tra i più noti maestri e chef nel settore della pasticceria e della gastronomia, arrivano nelle cucine di tutti.

I vantaggi del silicone in cucina
Ci sono diversi stampi di varie forme, misure e colori.
Gli stampi in silicone risultano molto pratici perché non occorre imburrarli prima dell’utilizzo e le varie sagome permettono di creare dolci, salatini, biscotti o budini di forma perfetta, dato che la semplicità di estrazione dei prodotti è garantita dall’antiaderenza e dalla flessibilità naturale del silicone.
Questi stampi di nuova generazione sono inoltre facilmente lavabili, anche in lavastoviglie e occupano poco spazio poiché possono essere riposti anche piegati o arrotolati, senza che questo li danneggi minamene.
Un ulteriore vantaggio offerto da questo materiale è la resistenza alle temperature, sia alte che basse: il silicone tollera infatti temperature che vanno dai – 40° C fino ai + 280° C, il che consente di realizzare la maggior parte delle operazioni di surgelazione e di cottura abituali, con il vantaggio di non dover cambiare contenitore.
Gli stampi in silicone offrono quindi la possibilità di eseguire tutte le preparazioni di prodotti dolci e salati, sostituendo totalmente l’utilizzo di teglie e stampi in metallo: possono essere infatti utilizzati in forni ventilati, in forni a temperatura statica, in microonde, in frigorifero ed in freezer.

Sono sicuri per la salute?
Gli stampi e le tortiere da cottura flessibili e antiaderenti di nuova generazione sono interamente realizzati in silicone alimentare, perfettamente conforme alle leggi internazionali che regolano l’utilizzo di materiali destinati al contatto alimentare.
Tuttavia è consigliabile evitare di comprare stampi di origine ignota ma solo quelli prodotti da aziende italiane, che possano dare una giusta garanzia sull’origine del materiale utilizzato, anche se questo comporta una maggiorazione della spesa d’acquisto.
Generalmente gli stampi in silicone da cucina sono realizzati in silicone solido platinico o perossidico. Ad entrambi sarebbero da preferire gli stampi realizzati in silicone liquido platinico, poiché è più puro e capace di garantire la totale alimentarietà del prodotto, nonché una maggiore antiaderenza ed elasticità.
Il silicone liquido platinico viene comunemente utilizzato in campo medico, proprio perché non contiene componenti tossici e presenta un minor contenuto di sostanze volatili, comunque eliminate integralmente in seguito ad un apposito trattamento termico prolungato.

Consigli d’uso
Il primo utilizzo

Dopo aver lavato accuratamente lo stampo con acqua calda o in lavastoviglie, al primo utilizzo è consigliabile imburrare oppure oliare la superficie interna dello stampo.
Tale operazione è da effettuare solo la prima volta col fine di garantire la massima antiaderenza dello stampo. Per tutti i successivi utilizzi non servirà più ungere né con burro, né con altri grassi.
Infine, non è obbligatorio ma sarebbe preferibile farequalche cottura “a vuoto”, magari con del pane bagnato, da buttare poi senza troppi rimpianti.

La sformatura
L’estrema flessibilità degli stampi in silicone facilita incredibilmente la sformatura, garantendo sempre risultati perfetti. Nel caso di preparati cotti, si consiglia di attendere il completo raffreddamento prima di sformare. Per le preparazioni molli tipo budini, si consiglia invece di farle rapprendere mettendole per qualche ora in freezer. Un passaggio in frigo o freezer prima di sformare si consiglia anche dopo la cottura di impasti particolarmente dolci e collosi.

Il lavaggio
Gli stampi da cucina in silicone si lavano agevolmente in lavastoviglie o a mano con acqua calda.
Per rimuovere qualsiasi residuo in caso di unto persistente, è sufficiente far bollire lo stampo in acqua per 10 minuti.

I tempi di cottura
Per una perfetta riuscita della cottura, è meglio utilizzare una temperatura del forno inferiore di circa 10°C e una durata superiore di circa 10 minuti, rispetto alle indicazioni dei ricettari che prevedono l’utilizzo di stampi metallici.

Altre precauzioni
Non utilizzare all’interno degli stampi in siliconeoggetti taglienti o appuntiti.
Non porre mai gli stampi a contatto con fiamme libere o fonti dirette di calore e non utilizzarli con lafunzione crisp nel forno a microonde.

fonte: ricetteonline