Tofu Grigliato al Basilico e Limone

Se c’é una pianta onnipresente nelle nostre cucine è sicuramente il Basilico, facile da coltivare e ottimo per accompagnare tanti piatti con il suo tipico profumo e con il quale vogliamo preparare il tofu grigliato al basilico e limone di questa ricetta vegan deliziosa che abbiamo tradotto per voi.

tofu grigliato basilico limone
Tofu Grigliato al Basilico e Limone

Di seguito trovate la scheda per questa gustosa ricetta vegan, perfetta per le serate estive all’aria aperta davanti il barbecue. Il tofu grigliato al basilico e limone su un letto di lattuga e carote è il piatto giusto per le cene d’estate, leggero e saporito con un tono di affumicato che non guasta affatto.

Tofu Grigliato al Basilico e Limone
 
Tempo Preparazione
Tempo Cottura
Tempo Totale
 
Autore:
Cuisine: vegan
Porzioni: 2-3
Ingredienti
  • ⅓ tazza di foglie di basilico tritate
  • 2 cucchiai di Senape di Djone
  • 1 cucchiaio di Sciroppo d'Agave
  • 1 o 2 cucchiaini di scorza di limone grattugiato
  • ¼ tazza di succo di limone spremuto (il succo di 2 limoni circa)
  • 1 cucchiaio di Olio E.v.o.
  • ½ cucchiaino di sale
  • ¼ cucchiaino di pepe nero macinato
  • 3 spicchi d'aglio tritati
  • 500 grammi di Tofu pressato e scolato
  • verdure da insalata ed ortaggi freschi da aggiungere come guarnizione
Preparazione
  1. Aggiungete tutti gli ingredienti tranne il tofu in una scodella capiente. Amalgamate il tutto per creare una marinatura per il tofu.
  2. Tagliate il tofu in 6 rettangoli ed immergetelo nella marinatura per almeno 1 ora
  3. Preaparate il barbecue
  4. Prendete il tofu ed scolatelo dalla marinatura, conservandola per usarla come dressing, ed adagiate i rettangoli sulla griglia. Lasciateli arrostire per almeno 3-4 minuti per lato
  5. Servite il tofu grigliato su un letto di verdure fresche e guarnitelo con la marinatura

Con questa ricetta vegan per preparare un ottimo tofu grigliato al basilico e limone, vi lasciamo in compagnia del caldo estivo e con una nuova idea da provare ed assaggiare!

fonte:eatingbirdfood.com
t
raduzione:ricettevegan

Purè di Patate con Cipolle Caramellate

Avete solo delle patate, qualche cipolla e una testa d’aglio in dispensa? Se potete aggiungere anche olio e sale avete tutti gli ingredienti necessari per preparare il Purè di Patate con Cipolle Caramellate.
Ecco che proviamo quindi una ricetta inglese per vedere se siamo anche bravi e brave a tradurre oltre che a inventare piatti vegan semplici e che richiedono poche risorse.

Purè di Patate con Cipolle Caramellate
Purè di Patate con Cipolle Caramellate

Ingredienti:

  • 3 cucchiai di olio d’oliva
  • 2 grosse cipolle tritate finemente
  • Sale grosso q.b.
  • 500gr di patate pelate e tagliate grossolanamente
  • 4 spicchi d’aglio, schiacciati

Preparazione:

In una padella grande, mettere un cucchiaio d’olio d’oliva a scaldare a fuoco medio-basso. Aggiungere le cipolle, condire con sale grosso. Cuocere, mescolando spesso, fino a quando le cipolle non saranno caramellate, di colore quindi bruno, all’incirca dopo 35-40 minuti.

In una casseruola media, unire le patate e i spicchi d’aglio, e acqua a sufficienza per coprire il tutto per almeno 2 centimetri e mezzo.

Portare ad ebollizione e aggiungere il sale. Coprire con un coperchio, abbassare la fiamma, e fate cuocere finché non saranno tenere, quindi per 15 -20 minuti. Scolare, tenendo una tazza di acqua di cottura.

Rimettere le patate con l’aglio nella casseruola. Aggiungere 2 cucchiai di olio d’oliva, condire con sale. Schiacchiare poi le patate fino ad ottenere una purea morbida, aggiungendo l’acqua di cottura se necessario per renderla più omogenea e soffice. Aggiungere e mescolare le cipolle, servire subito.

Se questa ricetta vegan del Purè di Patate con Cipolle Caramellate vi è piaciuta fatecelo sapere al più presto!

traduzione: ricettevegan
fonte: marthastewart

Seitan con Porcini, Riso allo Zafferano e Insalata

Oggi proviamo questo piatto “unico”, nel senso che da solo è come un’intero pasto!
Ironia a parte, ci è piaciuto molto!

Seitan con Porcini, Riso allo Zafferano e Insalata
Seitan con Porcini, Riso allo Zafferano e Insalata

Lo abbiamo trovato su un blog di ricette molto raffinato e accattivante, anche se non propone ricette esclusivamente vegan, possiamo sfogliare diverse varianti di piatti ricercati e gustosi. Stiamo parlando de “La Cuisine de Fabien” e la ricetta di seguito proposta è stata modificata di pochissimo negli ingredienti e nella preparazione per renderla vegana.

Seitan con Porcini, Riso allo Zafferano e Insalata
 

Author: La Cusine De Fabien
Serves: 2
Ingredients
  • 3 pugni di Riso
  • 250gr di Seitan + 2 cucchiai del suo brodo di cottura
  • 4-5 Funghi Porcini
  • 4-5 Funghi Champignon
  • 1 bustina di Zafferano Giallo in polvere
  • 1 noce di Margarina
  • 1 manciata di Insalata Gentile
  • olio, sale, pepe e prezzemolo tritato
Instructions
  1. Pulite bene i funghi e tagliateli a pezzettoni quindi saltateli in padella, coperti, con olio extravergine per circa 15 minuti.
  2. Tagliate a cubetti anche il seitan e aggiungetelo ai funghi insieme al suo brodo di cottura e a mezzo bicchiere scarso di acqua calda e lasciate andare a fuoco medio per altri 10 minuti.
  3. Regolate di sale e pepe e terminate la cottura togliendo il coperchio. Da ultimo aggiungete il prezzemolo tritato.
  4. Lessate il riso in acqua salata, poi scolatelo e tenetelo un attimo da parte.
  5. Fate fondere in un tegame una noce di margarina e stemperatevi lo zafferano, quindi unite il riso e saltatelo un minutino in modo da fargli prendere un bel colore giallo uniforme.
  6. Lavate bene l’insalata e riducetela in piccole parti con le mani o con un coltello in ceramica ma non con il coltello di acciaio perché la lama tende ad ossidare i punti in cui si taglia e quindi ad annerire il bel verde dell’insalata.

Componete il piatto e dateci dentro!

fonte: lacuisinedefabien

Samosas

Mentre cercavamo qualche ricetta vegana dall’Africa, alla fine siamo capitati come spesso ci succede, sul sito dell’instancabile Vera. La quale è tra le poche chef di questa nostra cucina, che si è lanciata nelle sperimentazioni etniche vegane con gusto e tenica invidiabili. Ringraziamo ancora una volta la nostra regina del gusto, Vera! Fateci sapere come vi sono venute, anche noi le stiamo provando proprio in questo momento!!!

Qualche giorno fa ho preso in prestito (in bottega) un libro di cucina africana. Nonostante tutte le ricette fossero a base di carne o pesce (l’unico piatto vegan erano le patate al curry!) ne sono stata conquistata: ho fotocopiato le ricette più interessanti e mi sono data alle sperimentazioni!
[Se il libro fosse stato in vendita, ovviamente, l’avrei comprato; inizio a sospettare una dipendenza dai libri di cucina analoga a quella dai videogiochi o dallo shopping…]

Ingredienti:

  • 300g di pasta sfoglia
  • una carota
  • una zucchina
  • una cipolla
  • 2 spicchi d’aglio
  • peperoncino molto piccante
  • zenzero fresco
  • 200g di seitan
  • limone
  • sale e pepe
  • un cucchiaio di coriandolo in polvere
  • olio di semi di arachide.

Lavate le verdure; pelate la carota e tagliatela a pezzi, insieme alla zucchina. Sbollentate le verdure per 10 minuti, togliete dal fuoco e, quando sono fredde, tritatele finemente. Sbucciate e tritate la cipolla e l’aglio (separatamente); lavate e tritate il peperoncino, privo dei semi; pelate e tritate lo zenzero. Dorate il seitan a pezzi con sale e pepe; lasciatelo raffreddare e tritatelo.
[Riprendete fiato per qualche minuto e calmate i tremori della vostra mano…]
Scaldate 4 cucchiai di olio di semi in padella; rosolate la cipolla per una decina di minuti. Aggiungete il seitan e le verdure tritati, mescolate per un po’; poi cospargete con aglio tritato, zenzero, peperoncino; aggiustate di sale e cuocete ancora per cinque minuti. Spremete il succo di mezzo limone e versatelo nella padella; spolverate col coriandolo e togliete dal fuoco, mescolando bene.


Tagliate la pasta sfoglia in strisce lunghe 25 cm e larghe 9; mettete un cucchiaio di ripieno a un’estremità della striscia, piegatela a triangolo ed avvolgete l’intera striscia su se stessa (più facile a farsi che a dirsi!).Ponete le samosas su una teglia coperta con carta da forno; infornate a 180° per 20 minuti.

fonte: semplicementevera

Pancake Avena e Castagne

Siamo appena in ottobre e subito vi segnaliamo una ricetta vegana con le castagne, frutta tipica di questo mese!
Con l’occasione presentiamo anche un nuovo blog da cui abbiamo tratto questo piatto delizioso, che e’ Magie Vegan. Grazie per questa dolcissima idea!


Se vi piacciono le piadine, le crepes e affini e amate la farina di castagne vi consiglio di provare questi piccoli pancakes preparati in padella con un filo di olio..sono favolosi! Io li ho mangiati cospargendoli con un trito di verdurine: pomodori, fagiolini, basilico e pinoli tostati…ma sono un ottimo sostituto del pane su cui spalmare magari dell’hummus o del tofu! Il sapore ricorda il castagnaccio, penso che vadano benissimo anche a colazione (magari senza il rosmarino, ma per i più temerari si può lasciare!) con delle creme dolci!

Ingredienti per 5 pancakes:

 

Mescolate le due farine ed il sale in una terrina. Aggiungete acqua fino a raggiungere una pastella piuttosto densa, non come quella delle crepes altrimenti l’impasto una volta versato in padella si spanderà troppo! Noi invece vogliamo ottenere dei piccoli pancakes percui la consistenza deve essere piuttosto cremosa.
Tritate il rosmarino finemente e aggiungetelo all’impasto.
Spennellate una piastra con un pò d’olio e.v.o. e cuocete mezzo mestolo di impasto alla volta, esattamente come le crepes. Deve cuocere solo pochi minuti per lato, quando prende un bel colore marroncino è pronto!
Lasciando l’impasto più liquido si possono fare delle crepes da farcire con quanto più ci piace!

fonte: magievegan

Peperoni Ripieni di Riso

Per sfruttare meglio le verdure di stagione, ecco un piatto vegano curiosamente leggero!
Ringraziamo “Lo Spicchio d’Aglio” per questa gustosa invenzione!
Peperoni ripieni di risoINGREDIENTI

  • 2 peperoni di medie dimensioni, bassi e larghi
  • 2 pomodori maturi (200 g circa)
  • 2-3 rametti di prezzemolo
  • ½ litro di brodo vegetale
  • 1 scalogno
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 160 g di riso
  • pepe

PREPARAZIONE

Lavare i peperoni sotto acqua corrente e tagliare le calotte con un coltello affilato, tenendole da parte. Rimuovere dall’interno i semi ed eventuali filamenti. Riporli su un tagliere capovolti.
Lavare i pomodori, tagliarli a metà e privarli dei semi. Ridurli a cubetti.
Lavare il prezzemolo, selezionarne le foglie e tritarle finemente con la mezzaluna su un tagliere.
Scaldare il brodo.
In una pentola da minestra far soffriggere a fiamma bassa lo scalogno tritato molto finemente con metà olio.
Aggiungere il pomodoro e lasciar insaporire 2 minuti.
Aggiungere il riso e farlo tostare un minuto.
Unire un mestolo di brodo bollente e impostare il timer secondo i minuti di cottura del tipo di riso che si sta usando (solitamente 15-18 minuti).
Continuare unendo il brodo man mano che viene assorbito, mescolando di tanto in tanto, senza lasciare che il composto si asciughi troppo, altrimenti cuocerebbe male ed in modo discontinuo.
2 minuti prima della fine del tempo di cottura del riso, unire un cucchiaino di prezzemolo tritato.
Mescolare continuamente e portare a fine cottura.
Spegnere il fuoco, unire una grattugiata di pepe e lasciar riposare.
Ungere una pirofila da forno abbastanza grande da contenere tutti i peperoni in piedi.
Spennellare l’interno dei peperoni con un filo d’olio, cospargerli con un pizzico di sale e riempirli con il riso.
Coprire ciascuno con la propria calotta, condire con un filo d’olio, una grattugiata di pepe ed infornare per 45 minuti a 180° C. Togliere le calottine negli ultimi 10 minuti di cottura.
Servire tiepidi decorando con foglie di prezzemolo.
fonte: lospicchiodaglio

Cipolle alla Brace

Ecco un bella ricetta vegan per l’estate che incalza. Anche il vegano o la vegana amano la brace e il barbeque in spiaggia o sul balcone!!!
Ringraziamo Lo Spicchio D’Aglio per questa semplice ma deliziosa ricetta!

Cipolle alla brace

Ingredienti:

  • 4 piccole cipolle rosse
  • 1 cucchiaio d’olio extravergine di oliva
  • 1 cucchiaino di aceto
  • origano
  • sale
  • pepe

Preparazione
Spellare le cipolle e tagliarle a metà verticalmente.
Infilzarle da parte a parte con uno stuzzicadenti per fare in modo che non si sfoglino durante la cottura.
Preparare quindi l’olio aromatico che servirà per spennellare la verdura durante la cottura mettendo in una ciotola l’olio, l’aceto ed un pizzico di origano. Emulsionare accuratamente.

La brace ideale per cuocere le verdure sarà pronta quanto la fiamma rossa del fuoco si attenua ed una velatura bianca appare sui tizzoni ardenti. E’ questo il momento di mettere la griglia sul fuoco a riscaldare, per poi pulirla con uno spazzolino di ferro, un raschietto o più semplicemente con qualche pezzo di carta da cucina, facendo molta attenzione a non bruciarsi.
Una volta messa sulla brace, spennellare la verdura con l’olio aromatizzato.
La cottura deve avvenire a fuoco dolce. Il tempo varia dai 20 ai 30 minuti, a seconda del tipo di cottura preferito.
Girare le cipolle di tanto in tanto.
A fine cottura salare e pepare.

Insalata Russa Vegan

Questo mese prendiamo una ricetta da Stella Vegan, un blog che non avevamo ancora scoperto nel nostro viaggio tra le ricette vegan di internet e non solo.

Per questa insalata russa è fondamentale la maionese, se non la trovate in commercio potete sempre provare a fare quella che ho trascritto qui nel blog alla voce “Ingredienti Base”, la stessa che ho usato in questa ricetta.

Ingredienti:
  • 1 patata
  • 1 carota
  • 1 pugnetto di piselli e di fagiolini verdi
  • olive nere tagliuzzate
  • cipolline e sottaceti o capperi (a chi piace un po’ più saporita)
  • sale fino
Preparazione:
tagliare dopo averle sbucciate,la carota e la patata a pezzetti piccoli, poi aggiungere un pugnetto di piselli e di fagiolini (questi ultimi verranno tagliati dopo la cottura) mescolarli con un pizzicotto di sale fino e poi mettere tutte le verdure insieme a cuocere a vapore. Non devono cuocere troppo devono rimanere un po’ al dente. A cottura ultimata toglierle, tagliare i fagiolini e poi vuotarle tutte in un contenitore di vetro e lasciarle raffreddare; nel frattempo si tagliuzzano le olive nere , le cipolline e i sottaceti, la quantità dipenderà dai gusti personali, aggiungerle alle verdure insieme a un filino d’olio d’oliva e un pizzico di sale fino , mescolare delicatamente e aggiungere la maionese, darci un’altra mescolata e mettere poi il tutto in frigorifero fino al momento di servire.
fonte: stellavegan

Insalata di Verza alla Senape

Anche per aprile una ricetta vegan fresca e appetitosa!!! Questa volta abbiamo pescato dal libro di ricette di cotto al vapore.
Una delle mie verdure preferite (lo so, lo dico di quasi tutte!) è la verza.
Quindi non potevo certo farmela mancare in versione cruda, tra l’altro uno dei modi migliori per godere anche delle innumerevoli proprietà di questo ortaggio. Ricco di vitamine, sali minerali, protettivo, come tutti i cavoli, delle mucose, ecc.
La consistenza croccante inoltre rende il piatto estremamente saziante rispetto ad altre insalate.
La cosa importante è tagliarla abbastanza fine (secondo le vostre capacità mandibolari). Per condire la verza cruda io adoro la mostarda di Digione, quella con i grani interi. Tecnicamente quella acquistata non è cruda (dal momento che immagino i vasetti siano sottoposti a pastorizzazione o sterilizzazione), ma è possibile realizzare una mostarda fatta in casa frullando i grani di senape, aceto di mele non pastorizzato, olio evo, sale. Il sapore della senape si sposa alla perfezione con il cavolo-verza!
Ingredienti:
  • verza
  • grani di senape
  • aceto di mele
  • olio
  • sale
fonte: cottoalvapore

Insalata di Germe di Grano

Ingredienti
  • 100gr di germe di grano
  • 1 avocado
  • 1 peperone rosso
  • 1 peperone giallo
  • qualche pomodorino ciliegia
  • il succo di mezzo limone
  • 100gr di formaggio feta
Ingredienti per il pesto in quantità variabili
  • foglie di menta fresca
  • semi di sesamo
  • olio di oliva
  • sale, pepe
Cuocete il germe di grano in proporzione 1: 2, ovvero 1 tazza di germe per 2 di acqua. Lasciate cuocere a fuoco basso finchè tutta l’acqua non si sarà assorbita. Scolate, passate sotto acqua fredda corrente e mettete da parte. Nel frattempo tagliate a pezzettini tutti gli altri ingredienti, mescolati al succo di limone e mettete da parte. Preparate il pesto alla menta variando la quantità degli ingredienti a piacere. Unite tutto quanto in una terrina capiente, aggiustate di sale e di pepe e servite.

Scagliozzi alla Vera

Ingredienti per circa una ventina di scagliozzi:

  • 200 g di farina di mais per polenta
  • 800 g di acqua
  • un pizzichino di sale
  • abbondante olio per friggere

Preparate la polenta, portando l’acqua salata a bollore, versando a pioggia la farina e rimestando continuamente fino alla cottura (controllate i tempi sulla confezione… comunque, finché la polenta non inizia a staccarsi dalle pareti della pentola).
Versatela in una teglia da forno in uno strato alto circa 1 cm e lasciatela raffreddare completamente, finché sarà rassodata. A questo punto, tagliate dei triangoli di polenta, riscaldate bene l’olio e friggete le fette finché diventeranno ben dorate!

fonte: Veruccia

Crema di asparagi selvatici

Ingredienti

  • 1 mazzetto/300 gr. di asparagi
  • 1 cipolla rossa
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 1 cucchiaio di origano
  • 750ml di brodo vegetale
  • sale
  • pepe nero
Riscaldare il burro e l’olio d’oliva in una pentola capiente. Aggiungere la cipolla precedentemente tritata lasciandola ammorbidire per un paio di minuti; unire gli asparagi, privati della parte legnosa del gambo, e farli soffriggere per circa 5 minuti. Aggiustare di sale e pepe e profumare con l’origano.
A questo punto aggiungere il brodo caldo e continuare la cottura a fiamma bassa per ulteriori 10 minuti. Portare il tutto al passaverdure fino ad ottenere una crema densa e profumata. Spruzzare ancora con del pepe nero ed aggiungere un filo d’olio extravergine d’oliva.
Puó essere consumata ben calda come piatto unico, accompagnata da crostoni di pane casereccio, ma vale la pena provarla fredda assaporando un vinello fresco e profumato, un Dolcetto D’alba per esempio!

Seitan alla Cacciatora

Ingredienti:

  • 400 gr. di seitan
  • 2 tazze d’olive nere al forno
  • 6 foglie di alloro
  • 10 foglie di salvia
  • 8 bacche di ginepro
  • 4 cucchiai d’olio d’oliva
  • 5 cucchiai di concentrato di pomodoro
  • 1 tazza d’acqua
  • sale

Tagliate il seitan a cubetti non troppo grossi e mettete da parte. Scaldate l’olio nella teglia e fate rinvenire le olive a fuoco molto vivace per pochi minuti aggiugendo l’alloro e la salvia.

Spruzzate con un po’ di sale e aggiungete i cubetti di seitan.

Fate rosolare insieme alle olive per 5 minuti mescolando più volte in modo che non attacchi.

Aggiungete il concentrato di pomodoro diluito in 1 tazza d’acqua, coprendo il seitan e le olive. Fate cuocere molto lentamente per circa ½ ora in modo che il liquido evapori e la salsa si addensi un po’.

Arrosto di Seitan

Arrosto di Seitan

Ingredienti:

  • 500 gr. di seitan
  • 6 cucchiai d’olio d’oliva
  • un rametto di rosmarino
  • 6 foglie d’alloro e di salvia
  • 6 cucchiai di tamari
  • ½ bicchiere d’acqua
  • sale

Per questa ricetta
occorre un pezzo di seitan intero e grande come un pezzo di carne
da arrosto. Mettete il seitan in una casseruola
abbastanza grande da contenere il pezzo di seitan e poterlo
coprire, insieme al rosmarino, la
salvia, e l’alloro. Giratelo bene nell’olio, salate, e fatelo cuocere sul
fuoco o nel forno a calore basso per circa ½ ora, girandolo spesso
in modo che cuocia da ogni parte rosolando lentamente senza
bruciare. Verso la fine della cottura cospargete con il tamari e fate
rosolare ancora per 10 minuti. Togliete il seitan dalla casseruola e
aggiungete l’acqua, che farete bollire a fuoco vivo per qualche
minuto in modo da formare il sughetto. Servite l’arrosto ben caldo a
fette fumanti cosparse di sugo.

Cavolfiore alle Spezie

Ingredienti:

  • 1 cavolfiore non troppo grande
  • un cucchiaino di curcuma
  • 1/2 cucchiaino di curry
  • 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
  • un pizzico di sale.

Lavate il cavolfiore, dopo aver tolto le foglie esterne, e dividetelo a cimette. Cuocetele al vapore finché saranno tenere ma ancora croccanti e lasciatele asciugare per qualche minuto.
Nel frattempo, scaldate in una padella l’olio e versatevi le spezie e un pizzico di sale; questa breve tostatura aiuterà le spezie a sprigionare tutto l’aroma. Aggiungete il cavolo, girate bene per qualche minuto e servite caldo.

fonte:veruccia